Personale docente

Vittorio Berti

Ricercatore a tempo determinato di tipo B

M-STO/07

Indirizzo: VIA DEL VESCOVADO, 30 - PADOVA . . .

E-mail: vittorio.berti@unipd.it

  • Il Mercoledi' dalle 9:30 alle 11:15
    presso Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell'Antichità (DISSGEA), Palazzo Luzzato Dina, via Vescovado 30, lato Nord, primo piano.

Vittorio Berti ha studiato presso la facoltà di Lettere e Filosofia di Padova, concentrando la sua formazione sulla storia del cristianesimo, in particolare orientale, e sullo studio del siriaco. Si è laureato nel 2002 con una tesi su Nestorio di Bet Nuhadra, mistico e vescovo dell'VIII secolo.
Sempre a Padova ha ottenuto il dottorato in Storia del Cristianesimo, preparando una ricerca sull'epistolario siriaco del patriarca di Baghdad Timoteo I (780-823), in seguito trasformata in un volume pubblicato a Parigi con il sostegno finanziario della societé pour l'avancement des études iraniennes (Vita e studi di Timoteo I, patriarca cristiano di Baghdad, Peeters 2009).
E' stato assegnista di ricerca per quattro anni (2+2) presso il Dipartimento di Storia dell'Università di Padova (2007-2010), sul progetto "Saperi secolari, esegesi e teologia nelle scuole cristiane siro-orientali di epoca abbaside".
Tra il 2011 e il 2012 è stato Wissenschaftliche Mitarbeiter presso il Theologisches Seminar dell'Università di Zurigo (CH) all'interno del progetto FNS "Der Traktat Über die Seele des ostsyrischen Patriarchen Timotheos I. (780-823) an Rabban Boktisho, Oberarzt des Kalifen Harun ar-Rashid", poi divenuto un volume pubblicato a Friborgo (CH): L'au-delà de l'âme et l'en-deçà du corps: approches d'anthropologie chrétienne de la mort dans l'Église syro-orientale (Paradosis 2015).
Tra giugno 2014 e maggio 2015 è stato assegnista di ricerca presso il dipartimento di Studi Umanistici di Roma TRE, nell'ambito del progetto PRIN 2012 Tradurre, tradire, tramandare: i padri greci nell'occidente latino e nell'oriente siriaco.
Tra Agosto 2015 e Novembre 2016 è stato ricercatore presso la Fondazione per le Scienze Religiose Giovanni XXIII (Bologna) nell'ambito del progetto COGD-Mansi sui concili delle chiese siriache.
Dal 1 dicembre 2016 è ricercatore a tempo determinato (di tipo B) presso il Dipartimento di Studi Storici, Geografici e dell'Antichità dell'Università di Padova.
E' segretario in carica di Syriaca, studi siriaci in Italia e membro della Consulta universitaria per la Storia del Cristianesimo.

Monografie

L’Au-delà de l’âme et l’en-deça du corps. Approches d’anthropologie chrétienne de la mort dans l’église syro-orientale (Paradosis, Band 57), Fribourg 2015.

Vita e studi di Timoteo I: patriarca cristiano di Baghdad. Ricerche sull' Epistolario e sulle fonti contigue (Chrétiens en terre d'Iran III, Studia Iranica 41), Paris 2009.


Principali articoli in rivista

Grazia, visione e natura divina in Nestorio di Nuhadra, solitario e vescovo siro-orientale. In: Annali di Scienze Religiose 10, 2005, S. 219-257.

Il ruolo delle scuole nelle comunità cristiane siro-orientali dopo la conquista araba della Mesopotamia. Tre linee di indagine a partire da una ricerca recente, in: Annali di Storia dell’Esegesi 28, 2011, S. 241-250.

Mar Aba the Great on Exodus: Fragments from the Commentary of Ishoʿdad of Merv and the Christian Topography of Cosmas Indicopleustes, Cristianesimo nella Storia 38(2017), pp. 23-43.


Principali contributi in volume

Libri e biblioteche cristiane nell’Iraq dell’VIII secolo. Una testimonianza dell’epistolario del patriarca siro-orientale Timoteo I. In: d‘Ancona, Cristina, (Hg.), The Libraries of the Neoplatonists. Leiden 2007, S. 307-318.

La scuola di Bā Šōš nella storia e nella cultura siro-orientale. In: Davide Righi (Hg.), La letteratura arabo-cristiana e le scienze nel periodo abbaside (750-1250 D.C.). Atti del 2° convegno di studi Arabo-Cristiani, Roma 9–10 Marzo 2007, Torino 2008, pp. 123-140.

L'angelologia siriaca. Gregorio Abu-l-Farag Bar Ebraya, Della conoscenza delle essenze celesti, che sono gli angeli, nei loro differenti cori. In: Giorgio Agamben, Emanuele Coccia (Hgg.). Gli Angeli. Ebraismo Cristianesimo Islam, Vicenza 2009, S. 1403-1451.

Le débat sur la vision de Dieu et la condamnation des mystiques par Timothée Ier: La perspective du patriarche, in: Alain Desreumaux (Hg.), Les mystiques syriaques, (Études syriaques 8) Paris 2011.

Il monachesimo siriaco. In: Giovanni Filoramo (Hg.), Monachesimo orientale. Un’introduzione, Brescia 2010, S. 139-191.

Idéologie et politique missionnaire de Timothée Ier, patriarche syro-oriental (780-823), in: Christelle Jullien (Hg.), Itinéraires missionnaires: échanges et identités (Chrétiens en terre d'Iran IV, Studia Iranica 44), Paris 2011, pp. 71-110.

Afraate, Esposizione I. La Fede. Introduzione, traduzione e note, in: Giovanni Lenzi (hg.), Afraate, Le Esposizioni, (Testi del Vicino Oriente antico 7, Letteratura della Siria cristiana 3) Brescia 2012, pp. 67-80.

Il cristianesimo siriaco. Protagonisti, stagioni e nodi problematici dalla prima evangelizzazione all’esordio del V secolo, in: A. Melloni et al. (Hrsg.), Flavius Valerius Constantinus Maximus Augustus. Una enciclopedia internazionale sulla figura, il mito, la critica e la funzione dell’imperatore dell’ “editto” di Milano, Roma 2013, Bd. 1, pp. 849-861.

Provvidenza, libertà e legame anima-corpo nella lettera 2 di Timoteo I a Rabban Bokhtíšô‘, archiatra di Hârûn al-Rašíd, in: Carla Noce et. al. (Hg.), Le vie del sapere in ambito siro-mesopotamica dal II al XII secolo. Atti del convegno internazionale tenuto a Roma nei giorni 12-13 maggio 2011, (Orientalia Christiana Analecta 293), Roma 2013, pp. 149-175.

Studi sulla Siria cristiana nella tarda antichità.
Storia delle idee e circolazione dei testi nel mondo greco-siriaco-arabo.
Storia del monachesimo e della mistica.
Rappresentazioni dell'Aldilà nella tarda antichità.
Storia delle relazioni tra pensiero medico e pensiero teologico.
Rapporto tra esegesi biblica e iconografia.