News: Vetrina delle Pubblicazioni

Saveria Chemotti e Maria Cristina La Rocca (a cura di), "Il genere nella ricerca storica", Padova, Il Poligrafo, 2015

Qual è il ruolo delle fonti storiche nella riflessione sull’identità, i diritti e l’af fermazione delle donne nei secoli, dall’antichità alla contemporaneità? Quali opportunità può offrire la ricerca declinata in una prospettiva di genere? Quali sono gli scenari che si aprono, anche alla luce degli intrecci tra la riflessione storiografica e altre discipline come il diritto, la sociologia, l’economia, l’urbanistica e la tecnologia? Sono molteplici le difficoltà con cui le protagoniste di questi studi – regine e donne del popolo, letterate e illetterate, religiose e scienziate, filantrope e brigantesse – si sono dovute misurare nel corso dei secoli: sopraffazione, violenza domestica, monacazioni imposte e matrimoni forzati, la difficile conciliazione di attività lavorativa e mondo degli affetti, il rapporto problematico e conflittuale con l’universo familiare. Al tempo stesso, tuttavia, numerosi sono stati anche gli ambiti in cui si sono dispiegate le competenze, i talenti e la creatività di queste donne: non solo la famiglia, ma anche lo studio, l’insegnamento, l’arte, la scienza, lo scoutismo, il volontariato, la filantropia, l’attività missionaria. Attraverso memoriali, resoconti, missive, contratti e testamenti, esse sono riuscite ad esprimere la loro volontà, gettando luce su aspetti poco noti, rari, sconosciuti. Le loro voci inascoltate diventano udibili da parte del lettore contemporaneo proprio grazie alle fonti storiche, preziose testimonianze di un sentire che, più di quanto immaginiamo, si avvicina sorprendentemente al nostro.